Come curare il geranio

Pubblicato il da animadamianto

I gerani sono diffusissimi in tutta l'area mediterranea e adornano balconi e giardini con una gran varietà di forme e colori. In questo articolo si spiegherà velocemente come prendersene cura.

La cura del geranio, a prescindere dalla specie, consta di alcune semplici regole inerenti l'irrigazione, la concimazione e la potatura. Per quanto riguarda il primo punto è importante mantenere costante il tasso di umidità evitando però i ristagni idrici. Ha una certa rilevanza che la temperatura dell'acqua dell'innaffiatura resti compresa tra i 18 e i 20°C e che la stessa non sia eccessivamente calcarea. Una buona regola per l'innaffiatura è quella di somministrare ai gerani acqua lasciata a decantare per un giorno intero. Questa operazione va compiuta la sera stando attenti a non bagnare le foglie. Nel periodo invernale è sufficiente innaffiare i gerani mensilmente in modo da non lasciare inaridire la terra. I gerani in vaso vanno innaffiati ogni 2 giorni durante la primavera e quotidianamente in estate, mentre i gerani piantati a terra si accontentano di un'innaffiatura ogni 2 giorni anche in estate. Ad un mese dall'acquisto è bene somministrare alla pianta un fertilizzante liquido a base di potassio, fosforo e azoto. Il prodotto dovrà essere successivamente utilizzato con cadenza quindicinale dopo avere inumidito il terreno circostante. La potatura prevede l'eliminazione delle foglie e dei fiori secchi, l'alleggerimento della chioma e la cimatura dell'apice dei rami. Durante la stagione invernale la potatura dovrà ridurre i rami all'altezza massima di 10 cm. Buona norma inoltre è isolare i vasi dal contatto diretto con il suolo. I gerani richiedono luoghi freschi e soleggiati con temperature non più basse dei 5°C. Nel caso di gerani piantati direttamente nel terreno è buona regola coprire le foglie con della plastica e le radici con della paglia. In primavera il geranio necessita della spuntatura dei rami (1/3 circa) e della rimozione delle coperture. In caso di marciume bisogna rimuovere le foglie interessate e ridurre le dosi di acqua. Se invece è la ruggine ad affliggere il geranio bisogna intervenire con degli anticrittogamici fungini. Quando il problema è la muffa si agisce eliminando le foglie malate e somministrando degli anticrittogamici. In via preventiva è bene praticare dei trattamenti antiparassitari e contro gli afidi. Sarebbe utile poi scegliere dei vasi larghi di colore verde o cotto, forati sul fondo e dotati di sottovaso. Il terreno deve essere soffice, poroso e leggero.

Low-light geranium II

Con tag Agricoltura

Commenta il post