Come coltivare la liquirizia

Pubblicato il da animadamianto

Scopo di questo articolo è illustrare le tecniche di coltura di questa erbacea perenne. Ci si concentrerà pertanto sulle modalità di innaffiatura e concimazione, sulla corretta esposizione al sole e sulla scelta del terreno.

La liquirizia è un arbusto non sempreverde la cui altezza massima è pari ai 2 metri. Durante il periodo estivo il suo colore predominante è il viola. La pianta della liquirizia richiede sporadiche annaffiature per cui sarà sufficiente somministrarle 3 bicchieri d'acqua ogni 2 settimane . Prima di annaffiare la liquirizia è sempre consigliabile controllare che il terreno sia asciutto già da un paio di giorni. Non bisogna mai eccedere nella somministrazione di acqua, in quanto si rischierebbe di causare marciume radicale. La liquirizia va messa a dimora in luoghi abbastanza luminosi in cui il sole arrivi direttamente. Questa pianta comunque ha una grande resistenza alle basse temperature. Questa pianta richiede frequenti concimazioni: all'acqua dell'innaffiatura bisogna aggiungere periodicamente (circa 2 volte al mese) dei concimi a base di azoto. In alternativa si potrebbe optare per un concime granulare a lento rilascio da somministrare trimestralmente. Il terreno più adatto alla coltivazione della liquirizia è soffice e leggero e con altissime capacità drenanti. In genere la modalità riproduttiva prevede il prelievo di parti di rizomi dotati di almeno 2 nodi. Sarà possibile utilizzarne la radice soltanto dopo i 3 anni di vita della pianta. La raccolta va effettuata comunque in autunno inoltrato o tuttalpiù in inverno. La parte in questione, come è noto, è la radice. Per poterne beneficiare sarà necessario scavare almeno mezzo metro sotto terra. A coltura effettuata bisogna sbucciare ed essiccare la radice. Se la riproduzione avviene tramite seme invece sarà bene porlo a dimora in inverno. Un altro sistema utile ai fini riproduttivi è quello di dividere i rizomi e conservarli nella sabbia per proteggerli dalle gelate invernali. Successivamente i rizomi dovranno essere spezzati e posti a dimora alla fine del periodo invernale. I rizomi dovranno essere posti ad una profondità stimabile di una ventina di centimetri. Ogni pianta dovrà distanziarsi dall'altra di circa 40-50 centimetri. Fuori dal periodo vegetativo la pianta secca, a volte sembra quasi morire. In realtà la pianta resta viva. Questa pianta cresce e si sviluppa spontaneamente in molte regioni dell'area mediterranea ed è molto usata per la preparazione di liquori, dolci e persino gelati.

Liquorice root slivers

Con tag Agricoltura

Commenta il post