Fisico e costume da bagno; come conciliarli?

Pubblicato il da animadamianto

Il costume da bagno spesso può essere un nemico; rivela infatti impietosamente ogni nostra imperfezione fisica. Come ovviare a questo piccolo grande inconveniente? Ce ne occuperemo in questo breve articolo.

Buona norma è comprare il costume di una taglia più grande rispetto a quella normalmente utilizzata per il vestiario. Se i fianchi sono più ingombranti del seno scegliete costumi a 2 pezzi aventi taglie combinabili. Se in acqua fate attività fisica scegliete un modello più aderente. Considerate poi che le imbottiture si asciugano molto lentamente e i colori chiari sprovvisti di fodera diventano trasparenti appena uscite dall'acqua. Per nascondere rotondità eccessive è bene scegliere costumi interi sagomati dotati di coppe per il seno. Se proprio non volete rinunciare al bikini scegliete un modello con ferretti e mutande alte e sagomate. Un buon consiglio è evitare decori e fantasie troppo esuberanti. Se il vostro problema invece sono le cosce e il "lato b", scegliete costumi interi scollati ornati nella zona alta, in modo da distogliere l'attenzione dalla zona critica. In caso di bikini usate modelli a triangolo e mutande sgambate. Privilegiate reggiseni imbottiti. Non usate mai slip a pantaloncino o che lasciano la coscia eccessivamente scoperta . Se siete un po' basse indossate costumi interi a tinta unica e molto scollati. Evitate reggiseni da allacciare al collo, mutande a pantaloncino o troppo sgambate. Chi ha il seno piccolo dovrebbe indossare reggiseni triangolari decorati e con coppe se possibile. In alternativa se il fisico lo consente può usare slip molto ridotti che distolgano l'attenzione dal seno. Molto importante in questo caso è evitare i reggiseni a fascia che risulterebbero antiestetici se poco pieni. Chi ha poche curve può permettersi slip succinti e legati sui fianchi, fantasie e colori vivaci e vistosi.

Spiaggia di Alassio

Con tag Cura del corpo

Commenta il post